giovedì 30 settembre 2010

Giveaway per "International Babywearing week"!

Sarà che ci ho preso gusto, sarà che mi appassiono alle iniziative e mi piace " fare qualcosa", sarà che lo trovo un modo carino per far circolare i libri, sarà che anche questo tema mi sta a cuore...
Insomma, nonstante si sia appena concluso il giveaway ospitato da Mammafelice per la Settimana Mondiale per l'Allattamneto Materno, ho deciso di lanciare un nuovo giveaway per la Settimana mondiale del Babywearing.
Ero indecisa tra due testi, editi entrambi dal Leone Verde: Portare i piccoli di Esther Weber e Girotondo intorno al mondo. Alla fine ho scelto  Girotondo intorno al mondo perché è l'unico libro italiano per bambini che tratta il tema del Portare.
Il manuale della Weber è interessante, ma nodi e fonti sul "perché portare" sono facilmente reperibili sulla rete.
Il libro di Elena Balsamo e Maria Francesca Agnelli invece è poco diffuso ( per ora) e può essere un'occasione per parlare a tutti i bimbi di questa pratica, faccendo un piccolo viaggio attorno al mondo accompagnati da una filastrocca.

Come partecipare:

- Lasciate un commento a questo post entro la mezzanotte del 12 Ottobre.
- Condividete questo post o il bannerino su FB, sul vostro blog, o semplicemente ditelo agli amici ;)
     Codice per il banner:
<a href="http://coccoledirugiada.blogspot.com/2010/09/giveaway-per-international-babywearing.html"><img src="http://1.bp.blogspot.com/_5ulUcwn7a_8/TKToFh39u4I/AAAAAAAAAGo/_i_Ct5LJnOA/s320/giveaway.jpg" /></a>

- Se vi va, diventate sostenitori del blog tramite Google Friends Connect o FB.

Un grazie da parte mia a Equazioni per avermi fatto conoscere l'iniziativa della BWI.

Vi segnalo, inoltre, che a Torino il negozio TLALOC  effettuerà sconti su fasce e mei-tai per tutta la settimana!

TLALOC, Via Palazzo di Città 24/E
10122 Torino
Tel. 011 433.88.17

venerdì 24 settembre 2010

Venerdì del libro: "Fiabe lunghe un sorriso"


Questa settimana è volata.
Tra il raffreddorre della Ciuccetta, un gatto malaticcio e un pezzo di bagno da rifare avevo l'impressione che non ci fosse tempo per nulla. Poi questi ultimi due giorni ci hanno regalato dei piccoli momenti meravigliosi.
Sono venuti a trovarci P. e la sua mamma. E questo Venerdì del Libro, lanciato da Paola, è dedicato a loro.

Fiabe lunghe un sorrsio è una collana di racconti di Rodari che appartengono alla sua prima produzione. Credo che Rodari non abbia bisogno di presentazioni, ma vi propongo questo libro perché, oltre ad essere molto carino, per noi ha un particolare valore affettivo.

Ho conosciuto la mamma di P. durante il corso pre-parto. Dopo la nascita dei nostri bimbi abbiamo continuato a frequentarci e così, tra passeggiate, pranzi, merende e chiaccherate abbiamo superato lo scorso inverno.
All'inizio dell'estate P. e la sua famiglia si sono traferiti in un'altra città, ma prima di partire ci hanno regalato questo libro. Un libro uguale al loro, perché, in qualche modo, il legame dei bimbi restasse nei racconti letti da mamma e papà. Racconti brevi, che regalano un sorriso, per ricordarci i brevi ma bellissimi momenti trascorsi insieme.
A P., alla sua mamma e al suo papà va il nostro grazie per tutti i sorrisi :)

Gli altri Venerdì del libro:




venerdì 17 settembre 2010

Venerdì del Libro: Natale Bianco, Natale Nero


"Moussa non è di qui. Però riesce a inventare per i suoi nipoti un Natale straordinario, bianco, nero di tanti altri colori."

Manca ancora un po' di tempo prima dell'arrivo del Natale, ma dato che ho sto già lavorando ai regali, per l'iniziativa di Homemademamma, oggi vi propongo questo testo.
Un altro libro illustrato da Tom Schamp, un testo diverso dalle classiche storie di Natale, un racconto dove il fai da te e il riciclaggio vincono sui doni comprati. Uno spunto per riflettere e rivedere le nostre abitudini.
Ecco perché mi piace questo libro.
Ed ecco il libro al quale mi sto ispirando per i regali di quest'anno: More Last-Minute knitted gifts



Non lo inserisco tra i titoli perché è un manuale, non è un libro "da leggere", ma le foto sono da vedere :)!

Gli altri Venerdì del libro:

domenica 12 settembre 2010

Kalimba



"Non sarebbe la musica una lingua perduta, della quale abbiamo dimenticato il senso, e serbato soltanto l'armonia? "                                     Massimo D'Azeglio

Amo la musica.
Amo questo linguaggio anche se ne conosco appena la grammatica e spesso ne modifico l'armonia.
Non ho mai avuto l'occasione di studiare uno strumento e non impazzivo per le lezioni di musica della scuola obbligatoria, ma penso sempre che prima o poi inizierò a suonare.
Durante la gravidanza avevo iniziato a cercare degli strumenti "facili da suonare" per poterli utilizzare sia come canale di comunicazione con la pancia, sia durante il travaglio.
La musica infatti, al contrario della parola, è in grado di mettere a tacere il lato razionale. La musicoterapia in gravidanza ha lo scopo di aiutare la donna a tirar fuori le sue paure senza utilizzare la parola, associandole a dei suoni e poi, prendendo confidenza con essi, a superarle.
Ho scoperto così che esistono strumenti meravigliosi che producono dolci armonie senza bisogno di ore, mesi, anni di studio; la kalimba è uno di questi.
La Kalimba o Thumb Piano è uno strumento di origine africana, che appartiene alla famiglia delle percussioni
Ne esistono tantissimi tipi, più o meno economici, con poche o molte lamelle e con casse differenti.
Noi ne abbiamo scelta una con la cassa in legno e con lamelle in metallo. Abbiamo scelto secondo il nostro gusto: ne abbiamo provate diverse per scegliere quella che emetteva i suoni più caldi.
Facendo una leggera pressione sulle lamelle si compongono le note e ognuno può creare le proprie melodie, seguendo l'ispirazione del momento.
Ovviamente, essendo, a tutti gli effetti uno strumento musicale, si può decidere studiare le scale e le tecniche (qui), ma posso assicurarvi che già da subito sarete soddisfatti di voi stessi.
Io l'avevo messa persino nella borsa per l'ospedale e adesso la utilizziamo come rituale della sera: prima di andare a dormire suoniamo tutti un po' a turno.
Qui  ne trovate una versione on line, se volete sperimentare anche coi vostri bimbi. Buon divertimento!

venerdì 10 settembre 2010

Venerdì de Libro: "Mangia i piselli"


Lo scorso weekend abbiamo avuto la fortuna di conoscere l'Ape Leggina, una mamma mestra che legge storie stupende.
La sua valigia di cartone era piena di libri bellissimi e ovviamente non ho potuto resistere dall'appuntarmi un po' di titoli.
Il libro che presento oggi, ricominciando a seguire l'iniziativa lanciata da Homemdamamma , era appunto nell'elenco dei testi da acquistare.
Mangia i piselli, edito in Italia dalla Salani, è un testo molto particolare. Direi che sebbene il testo venga considerato "per l'infanzia", il messaggio trasmesso non è diretto ai bimbi, ma ai genitori.
Una storia che racconta come si faccia di tutto per far mangiare i bimbi, ma che alla fine sottolinea un aspetto che a volte i grandi dimenticano: anche i bimbi hanno dei gusti! Ed è giusto rispettarli.
Mi è sembrata una mini-versione illustrata de Il mio bambino non (mi) mangia, altro libro di Gonzales, altro libro bellissimo, altro libro che incoraggia i genitori a fidarsi dei propri cuccioli.
I bimbi sanno quanto hanno bisogno di mangiare, forzarli è inutile e a volte anche dannoso. Un libro molto vicino a Io mi svezzo da solo.

Gli altri Venerdì del libro:


martedì 7 settembre 2010

Si ricomincia...o s'incomincia?


Si ricomincia col cambio di stagione, si ricomincia a lavorare, si ricomincia a sognare, far progetti, mettere a posto le bollette e a programmare le attività.
La magia del mese di  Settembre forse è proprio questa: riprendere la quotidianità vestendola di nuovo.
Ed io sogno l'Autunno...
Il clima è già cambiato, dà spunto per immaginare gomitoli di lana colorati, soffici sciarpe e guanti caldi.
Nella mente pregusto già le castagnate, le passeggiate nei boschi che si tingono di rosso e marrone, le tazze fumanti di tisane e thé.
E, nella dolcezza della consuetudine, le novità sembrano piccole fette di torta da assaggiare lentamente e con emozione.
Mi emoziono guardando il nuovo quaderno su cui appuntare le idee, il mio nuovo angolo craft, con tanto di macchina da cucire appena spacchettata, il bigliettino della nuova impresa in cui ci lanceremo io e la zia B. ^_^.
Sarà un Autunno speciale, un po' più magico degli altri, forse...anche perché Qualcuno incomincerà a saltare nelle pozzanghere, ad assaggiare i cachi, a raccogliere con mamma e papà le foglie secche.
Sarà una Nuova Stagione Speciale, la "nostra" stagione, una stagione di coccole, una stagione per ascoltare " il cuore della casa" e da dedicare agli amici vicini e lontani.